Intervista doppia con Sogni Risplendono

Sabato sera mentre stavo andando a festeggiare i vari compleanni di marzo (si ancora!!!) mi arriva un bellissimo e inaspettato messaggio.
Sara di Sogni Risplendono ha pensato di intervistare all’interno del suo blog, creative non troppo famose e per cominciare quest’avventura ha scelto me!!! B-)
Leggo il messaggio e le rispondo immediatamente. La sua proposta mi piace e lusinga talmente tanto, che non aspetto nemmeno di arrivare a destinazione, con conseguente mal d’auto per il resto del viaggio! 😛
Per aprire le danze di questa bellissima idea ho proposto a Sara di intervistarla a sua volta, in una sorta di intervista doppia, quindi se volete sapere qualcosina in più su di me, potete visitare il suo meraviglioso blog, mentre qui oggi vi parlo di lei, alternando le domande/risposte a meravigliose foto di sue creazioni.
Pronti… Via!!!

  • Parlaci un po’ di te, tutto quello che ti viene in mente e che pensi ti rappresenti.
Per me questa è la domanda più difficile perchè sono tutto e niente. Mi sono laureata in scienze naturali ma a parte un anno di lavoro in università non sono mai riuscita a sfruttare i miei studi in ambito lavorativo quindi in questi ultimi anni vago di qua e di la, alla ricerca della serenità e del porto sicuro che è da qualche parte ad aspettarmi. Nel frattempo cerco disperatamente la mia strada, affiancata dalle persone che amo ed è proprio questo che mi dà la forza di andare avanti.
  • Qual’è la tecnica/che che ami utilizzare e cosa ti ha portato a scoprirle e usarle?
Adoro il cucito creativo, mi permette di trasformare un’idea, un disegno o una vaga immagine nella mia testa in qualcosa di concreto, da poter tenere tra le mani, che mi strappi un sorriso. Chi segue il mio blog sa che in realtà mi piace sperimentare un po’ di tutto, sono molto curiosa e amo imparare tecniche nuove.Non so bene neanche io come ho cominciato, un po’ come tutte ho sempre pasticciato fin da bambina e crescendo ho solo scoperto tecniche diverse. Per quanto riguarda il cucito penso sia partito tutto quando ho scoperto il mondo Tilda. Ricordo perfettamente che all’epoca guardavo con occhi sgranati i lavori fatti da altre ragazze e mi dicevo che una cosa del genere non sarei mai riuscita a farla. Ahahahah!!! Potere è volere ragazze!

  • Cosa ami maggiormente creare e da cosa ti fai ispirare? 
Sarà che per me il mondo ha bisogno di tenerezza ma quel che amo di più in assoluto confezionare sono gli accessori per i bambini, che siano di utilità piuttosto che semplici decorazioni per le camerette. Quando creo per loro posso lasciarmi completamente andare al mio lato coccoloso, lasciandomi circondare da buffe creature e colori pastello.

  • Per te la creatività è un hobby o un lavoro?
Credo che siano poche le fortunate e talentuose a trasformare la passione in lavoro vero e proprio ma nella vita non si può mai sapere. Per ora sono in un limbo: creo più che volentieri su commissione ma altrettanto volentieri lo faccio per il gusto di farlo. Amo circondarmi di oggetti fatti da me, danno personalità alla casa, la rendono accogliente e parte di me. Come ho già detto amo sperimentare di tutto di più e ultimamente mi sono lanciata anche nel magico mondo del sapone handmade. In questo caso lo faccio esclusivamente per il piacere di usare prodotti naturali, nati dalle mie mani.
  • Quali sono i canali che preferisci usare per la vendita delle tue creazioni? 
Sono aperta a a ogni cosa, quindi provo di tutto di più, dai mercatini, al negozietto su artesanum e il passaparola, che come sempre è il più efficace. Certo, se non avessi la vetrina del mio amato blog sarebbe tutto più difficile.

  • Dove ami maggiormente vagare alla ricerca dei materiali che utilizzi? 
Devo essere una delle poche che non usa il web per i suoi acquisti! Io sono una alla vecchia maniera, amo vagare tra le bancarelle del mercato alla ricerca di un pezzo di stoffa in mezzo a mille, nei negozi di scampoli in cui passerei interi pomeriggi e nelle fiere di settore. Poi non bisogna mai sottovalutare il potere delle conoscenze. Infatti spesso e volentieri ricevo ritagli di stoffa, campionari o simili da persone che conoscono la mia passione e che quindi mi donano volentieri questi tesori.
  • Hai delle muse ispiratrici o delle creative che ami particolarmente? 
Inutile dire che le prime che ho scoperto sono state quelle che mi hanno fatto innamorare di questo mondo e probabilmente sono le stesse di tante quali Country Kitty e My Country Nest. Ma non sono solo le più famose ad ispirarmi quotidianamente, anzi spesso sono i blogghini più piccoli e sconosciuti che in realtà nascondono creative straordinarie, ricche di idee originali. Come tutte poi amo vagare su Pinterest, sempre alla ricerca dell’idea illuminante. In fin dei conti però, i lavori che mi danno maggiori soddisfazioni sono sicuramente quelli che nascono completamente dalla mia mente, come il topolino dei dentini.

  • Che progetti e desideri hai per il futuro?
Progetti per il futuro? Sinceramente solo serenità, penso che di questi tempi sia l’unica cosa veramente importante per tutti. Poi cosa racchiuda questa parola è soggettivo: una bella famiglia, soddisfazione personale, godere delle piccole gioie quotidiane e naturalmente continuare a creare, migliorando sempre di più. Inutile nascondere un pizzico di vanità che in fondo in fondo ho anche io, sarebbe bello se un giorno leggendo Sogni Risplendono fossero in tante a sapere che cosa rappresenta.

  • Perchè per te è importare dare alla luce le tue creature? 
Perchè sono parte di me, rappresentano il mio modo di essere, la mia interiorità. E’ un’importantissima valvola di sfogo. Perchè tenere tra le mani una propria creatura,dopo un’ora o più alla macchina da cucire, è d’immensa soddisfazione.
  • Cosa ti senti di consigliare alle ragazze che si affacciano timidamente in questo mondo e che vorrebbero imparare a cucire?
Buttatevi ragazze, ci sono riuscita io potete farcela anche voi. Non bisogna mai pensare “non ce la farò mai!”, sono molto poche le cose nella vita su cui non si può avere la meglio e non è di certo il cucito. Provate e riprovate, magari iniziate usando i libri che spiegano molto bene le basi e fanno capire i procedimenti. Quando sarete spigliate non vi resta altro da fare che prendere carta e penna, buttare giù un vostro schizzo e metterlo in pratica. All’inizio, come in tutte le cose, verranno fuori tante schifezze, inutile negarlo, ma di punto in bianco le cose vi verranno sempre meglio e vi ritroverete a dire “Non era poi così difficile!”.
Sono molto felice che sia cominciato questo tour alla ricerca di creative meno conosciute ma non per questo meno brave. Ringrazio particolarmente Ely che si è fatta trascinare in questa pazzia senza un attimo di esitazione e tutte coloro che nelle prossime settimane parteciperanno a loro volta a questa iniziativa. Che la creatività sia con voi!
“Sono molto felice che sia cominciato questo tour alla ricerca di creative meno conosciute ma non per questo meno brave. Ringrazio particolarmente Ely che si è fatta trascinare in questa pazzia senza un attimo di esitazione e tutte coloro che nelle prossime settimane parteciperanno a loro volta a questa iniziativa. Che la creatività sia con voi!”


E io ringrazio te cara Sara, per avermi permesso di conoscerti meglio e avermi reso partecipe di questa bellissima iniziativa, da cui sicuramente è nata anche un’amicizia, nonostante la vita non sia sempre facile.
Un grande abbraccio.
A presto
Ely

4 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *