Regali in cucina parte prima – Le confetture

Ecco il primo post su quello che ho preparato come pensierini di Natale.
Generalmente i miei amici sono tutti dei golosoni e quindi, a parte i sacchetti dove riporre il tutto e poco altro, la mia postazione è stata ai fornelli e non alla macchina da cucire.
Partiamo dunque con le confetture! 
Ovviamente le prime due sono state fatte già da parecchio tempo, mentre l’ultima subito prima di Natale.
Io, personalmente, preferisco farle bollire per molto più tempo rispetto altre ricette, ma alla fine avere un prodotto che contenga solo frutta fresca (ovviamente) poco zucchero e nessun altro tipo di addensante o conservante. 
Per il sottovuoto riempio i barattoli con la confettura bollente e li metto subito a “testa in giù” fino a quando sono completamente freddi. Si mantengono per anni in un luogo fresco se riuscite a non mangiarla!!! 😉
Vi lascio gli ingredienti e il procedimento per i vari tipi ^.^
Pesche e Amaretti:
  • 2 kg pesche noci pulite a fettine (con la buccia)
  • 700 gr di zucchero
  • 250 gr amaretti sbriciolati

Far bollire per 40 minuti le pesche, frullarle e rimetterle sul fuoco con lo zucchero e gli amaretti fino a quando non si addensa.

Fichi e Zenzero:
  • 2 kg di fichi tagliati in 4 (con la buccia)
  • 600 gr di zucchero
  • Una radice di zenzero fresca piccolina

Far bollire per una mezzoretta i fichi con lo zenzero grattugiato, frullare e rimettere sul fuoco con lo zucchero fino a quando non si addensa.

Arance e Noci:

  • 2 kg polpa di arance
  • La scorza di tutte le arance
  • 1 kg gr di zucchero
  • Due belle manciate di noci tritate

Mettere in ammollo le arance in acqua fredda per almeno 12 ore.
Con un pelapatate togliere tutte la scorze (facendo attenzione di non prendere troppa parte bianca). Mettere le scorze in un tegamino di acqua fredda e quando bolle spegnere. Far raffreddare e tagliarle a pezzettini.
Pulire le arance dalla parte bianca restante e fare a pezzetti gli spicchi.
Far bollire arance, scorze e zucchero per circa mezzora, frullare e rimettere sul fuoco con le noci tritate fino a quando non si addensa.

Ovviamente mi sono sacrificata per la “prova qualità” sperimentandole su crostate e pancake, ma le vedo molto bene anche su una bella cheesecake o per una colazione più leggera sulle fette biscottate!
Avete capito perchè ho messo su tanta pancia?!?!? -.-‘
La mia preferita è sicuramente l’ultima e la vostra?
A presto
Ely

13 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *