Rifatti il mobiletto!

Inutile che cerchi di fare la mamma giovane ed energica che non sei…Tira tira, alla fine, febbre fu! -.-‘

Ma non tutto il male vien per nuocere e così, l’assenza forzata dalla macchina da cucire (e una tachipirina), mi permettono di scrivere il post che vi avevo promesso ormai più di una settimana fa!

20150108_1809.41

 

Lo avete riesumato nella vostre cantine o soffitte? Lo avete chiesto a genitori, suoceri o amici? Lo avete trovato (non mi scandalizzerei affatto!) di fianco al bidone della spazzatura? Beh insomma, qualunque sia il modo… Avete trovato un mobiletto a cui ridare nuova vita?!?

Bene! Allora partiamo con vari passaggi per renderlo da così a così!

10675668_1553684248181724_7552214726259135394_n-horz

20141225_180638

Sia ben chiaro che la sottoscritta non è di certo una professionista, quindi queste dritte che vi lascio, potrebbero trovare in disaccordo parecchi, seri, falegnami e restauratori, ma nel mio piccolo, mi hanno sempre dato tanta soddisfazione e i mobili che ho trasformato, fanno ancora la loro bella figura! ^.^

AVVERTIMENTI E DECISIONI!

Se il mobile è in formica, avremo un problema in più in quanto la vernice fa più fatica ad attaccarsi. Verificate in oltre che la formica non sia rigata o addirittura rotta, perchè purtroppo non potremo toglierla e quindi a risultato finale si noterebbe il difetto.

Un altro prezioso consiglio che mi hanno dato è di lavorare in un posto non umido, per far si che la vernice asciughi meglio, quindi, se potete, evitate garage o scantinati. Se non altro arieggiate molto bene e fatelo in giornate calde 😉

Decidete se volete dipingere a pennello o a rullo.

Dalla vostra scelta dipenderà il risultato finale: con il rullo la superficie risulterà più liscia, con il pennello più “rustica” in quanto si vedranno le pennellate.

Per intenderci… il mobile del post precedente era a rullo. Quello nel post di oggi, a pennello 😉

MATERIALI

Telo da imbianchino

Rullo o pennello (se usate il rullo vi servirà comunque un pennellino per gli angoli)

Aggrappante

Smalto ad acqua

Cera finale (a piacimento)

PARTIAMO!

—> Il primo importantissimo passaggio è la pulizia della superficie. Prima di farla però, rimuovete tutte le maniglie, cerniere ecc…

Valeria di http://untruciolo.blogspot.it/ mi ha consigliato di pulirla con un panno imbevuto di aceto, soprattutto se si tratta di mobili in formica

—> Secondo passaggio la carteggiatura! (o sfacchinamento che dir si voglia)

Io la odio, o la mia cervicale la odia… non lo so… l’importante è che venga fatta per far si che la vernice aggrappi meglio, quindi giù di avambracci!

Se il mobile è in formica, dobbiamo farla con una carta vetrata a grana ultra fine e in modo molto leggero per non rigare la formica, se invece stiamo lavorando con del vero legno (alleluia!) potete darci dentro un pochino di più, ma sempre con moderazione. Ripulite la superficie con un panno umido e aspettate che sia asciutta.

—> Terzo passaggio, la verniciatura!

Dopo aver messo un bel telo sotto il mobile, così da evitarvi di pulire mezza casa alla fine dei lavori, passate una bella mano di aggrappante sulla vostra superficie pulita, scartavetrata e ripulita. Io generalmente uso quello in spray, ma non sempre si trova facilmente.

Lasciate trascorrere le ore di asciugatura dell’aggrappante, potete passare le vostre due mani di vernice, cercando di andare sempre nello stesso verso con il pennello e lasciando sempre passare tra l’una e l’altra il tempo di asciugatura delle smalto.

—> SORPRESA!

Ora vi metto ad un bivio!

Potete lasciare il vostro mobile così com’è, oppure renderlo più shabby grattando leggermente la vernice. Se optate per questa scelta, basta che passiate leggermente la carta vetrata, togliendo lo smalto nei punti desiderati.

(Io, per aumentare questo effetto,  aggiungo sempre anche qualche fregio in legno, che vernicio prima di incollarli alla superficie a lavoro ultimato)

—> TOCCO FINALE

Ed eccoci arrivati alla fine! Ormai saranno passati almeno due giorni da quando avete iniziato, ma che soddisfazione alla fine!!!

Non vi resta che passare una mano di cera. Questo passaggio è consigliato se avete shabbato il mobile, di modo che la superficie sia più protetta.

Potete scegliere una cera trasparente oppure una anticata, a voi la scelta!!! ^.^

P101030.4 (1)

E se volete provare, ma in casa non avete più posto, ricordate che potete sempre far felice un’amica, il problema sarà poi separarsene! 😉

A presto

Ely

4 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *