Notte Rosa, bye bye!

Ho detto tante volte che mi ritengo una romagnola un pò asociale…
Amo (ed ho fortemente) la nostra “S”, mi piace la piadina con il sangiovese, il mare, il carattere espansivo e cordiale che pochi come noi romagnoli riescono ad avere con i turisti, ma assolutamente odio le discoteche e tutta la confusione che la Riviera può offrire, ma che sono la parte essenziale del nostro turismo, quindi “taccio per sempre” -.-‘
Oggi è una di quelle serate da cui io cerco sempre di evadere, forse la clou dell’estate: La Notte Rosa
Sarà che io a Rimini ci sto tutto l’anno, ma in queste serate di massima confusione, preferisco godermi il panorama della Riviera dalle colline, magari in un punto strategico dove poter ammirare i fuochi di mezzanotte che si accendono in contemporanea,  da 25 postazioni, da Comacchio a Cattolica.
Ma quest’anno prima di allontanarmi dalla riviera avevo un impegno e così questa mattina mi sono svegliata presto, direzione Hotel Carillon, con le mie rose di carta preparate in anticipo, per l’occasione, parecchi mesi fa.
Missione: allestimento ingressi dell’albergo, disco e piscina, per la serata! ^_________^
Ho incominciato a posizionare le rose…
E ancora rose… o.O

 Infine qualche fiocchetto sui boschetti più esterni

E il gioco è fatto! ^_______^
Non mi resta che fare la valigia e aspettare che torni Andry.
Quest’anno niente fuochi dalle colline romagnole, ma un bel week end in Toscana, grazie all’invito di una cara amica.
Parto con questa e scatta subito immancabile l’indovinello! Chi indovina cosa c’è dentro?!? 😉
A lunedì.
Buon week end a tutti
Ely